Roma Innovation Hub, un’occasione di incontro per professionisti

Roma Innovation Hub si presenta come la prima Convention delle Professioni tecniche italiane. L'appuntamento è a Roma al Palazzo dei Congressi, dall’8 al 10 settembre

roma innovation hub

Al via l’8 settembre un appuntamento dedicato ai professionisti tecnici: è il Roma Innovation Hub, la prima Convention del mondo tecnico che si terrà a Roma al Palazzo dei Congressi. L’evento è promosso dal Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati e dalla Rete delle Professioni Tecniche, con il supporto del network Smart Building Italia e intende avviare un confronto tra i professionisti della progettazione, le istituzioni e la politica sul raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione.

Nelle tre giornate – 8, 9 e 10 settembre –  i delegati di tutte le professioni tecniche e gli esperti dei diversi settori si confronteranno sui quattro asset strategici scelti come filo conduttore dell’evento: smart cities, le città intelligenti dove tutto è finalizzato alla sostenibilità, al benessere e all’efficientamento energetico; smart building cioè la rivoluzione green e digitale dell’edilizia; smart mobility, ovvero la nuova mobilità elettrica e sostenibile collegata con la sharing economy e, infine, smart services, cioè i nuovi servizi digitali, compresi quelli satellitari, che stanno già governando ogni aspetto della quotidianità.

“L’idea di cui ci siamo fatti promotori come Periti Industriali”, dice Giovanni Esposito, presidente del Consiglio nazionale dei Periti Industriali, “è stata quella di mettere insieme l’impegno e la passione dei circa 600.000 professionisti tecnici del nostro Paese, farli dialogare con le istituzioni e la politica e mettere in campo progetti concreti per dare solidità e concretezza alle diverse missioni strategiche del Pnrr. Per cogliere le opportunità di ripresa dobbiamo essere dentro i processi con proposte precise e capacità di interlocuzione per far comprendere quanto le competenze tecniche possono essere strategiche nei diversi ambiti della conversione green dell’economia, della sostenibilità e della digitalizzazione. L’ambizione è quella di offrire soluzioni e idee che consentano all’Italia di non sprecare questa occasione storica, non è un caso, infatti, che alla conclusione della Convention consegneremo il nostro libro bianco fatto di proposte concrete da consegnare poi alla politica e alle istituzioni. Siamo al centro di questo colossale progetto di rifacimento e trasformazione del Paese, ed è un’occasione che non possiamo perdere”.


Potrebbe interessarti anche:

Pennati, Anie: il legame tra Smart City e IoT è sempre più stretto

Domotica ed edifici intelligenti: l’elettronica è di casa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui