SEMICONDUTTORI | Per Semi negli Usa la strada tracciata è quella giusta

Semi ha apprezzato i progressi che il Senato degli Stati Uniti ha compiuto su un solido pacchetto di incentivi federali per la filiera dei semiconduttori e ha sollecitato il suo tempestivo passaggio al Congresso.

Semi ha apprezzato i progressi che il Senato degli Stati Uniti ha compiuto su un solido pacchetto di incentivi federali per la filiera dei semiconduttori e ha sollecitato il suo tempestivo passaggio al Congresso. Il budget include 52 miliardi di dollari di finanziamenti per nuovi programmi di semiconduttori, inclusi 39 miliardi di dollari per un programma di sovvenzioni a disposizione dei produttori di semiconduttori e dei fornitori di attrezzature e materiali. Inoltre, è incluso un credito d’imposta del 25% per le strutture che producono semiconduttori o apparecchiature per la produzione di semiconduttori.

“Per rafforzare la catena di approvvigionamento dei semiconduttori negli Stati Uniti e stare al passo con altre regioni che offrono incentivi, è fondamentale che il Congresso approvi i finanziamenti CHIPS e il credito d’imposta sugli investimenti”, ha affermato Ajit Manocha, presidente e Ceo di Semi. “Con gli impianti di produzione di semiconduttori fortemente dipendenti da una complessa catena di approvvigionamento di fornitori di attrezzature e materiali, è particolarmente importante che questi fornitori possano beneficiare di incentivi per garantire la resilienza, la competitività e la crescita dell’intero ecosistema di semiconduttori degli Stati Uniti. Semi sostiene anche l’aggiunta di un credito d’imposta avanzato per la ricerca sui semiconduttori, estendendo il credito d’imposta sugli investimenti ai fornitori di materiali e altre riforme proposte”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui