Pmi sempre più indebitate: serve una maggiore educazione finanziaria

Le Pmi italiane sono indebitate per un valore complessivo di almeno 25 miliardi di euro. Una migliore educazione finanziaria potrebbe evitare che così tante persone contraggano debiti importanti e le aiuterebbe a prendere scelte più oculate ed economicamente più vantaggiose

Storie di ordinario sovraindebitamento

Secondo gli ultimi dati dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, le PMI italiane sono indebitate per un valore complessivo di almeno 25 miliardi di euro. Somme che, nella maggior parte dei casi, non possono essere restituite e che continuano a crescere sotto il peso degli interessi.

Lo conferma anche Legge3.it, società fondata da Gianmario Bertollo, che da anni aiuta privati e imprenditori a uscire da situazioni di sovraindebitamento. Nel 2021 la società ha registrato un incremento del 71% delle richieste di aiuto, con 535 pratiche attualmente in lavorazione ed altre 20 in attesa di giudizio.

Purtroppo, il momento è molto delicato e sono davvero tanti gli imprenditori che stanno vedendo la propria attività soffrire e i propri profitti svanire. Questo li porta a contrarre altri debiti, per riuscire a saldare i precedenti o per fare nuovi investimenti, cercando di recuperare la situazione, ma così si entra in una spirale senza fine”, commenta Bertollo. “Appare evidente che nel nostro paese ci sia una generale mancanza di educazione finanziaria, che potrebbe evitare che così tante persone contraggano debiti così importanti e le aiuterebbe a prendere scelte più oculate ed economicamente più vantaggiose. Un altro grande problema è che a 10 anni dalla sua emanazione ancora si parla troppo poco della Legge numero 3 del 2012, che continua ad essere una sconosciuta ai più”.

La Legge 3/2012

Emanata negli anni successivi alla crisi del 2008, questa legge introduce degli strumenti normativi che consentono di uscire da situazioni di sovraindebitamento, a patto che si rispettino determinati requisiti. Ai sensi della normativa, il debitore può vedere stracciata parte del suo debito, restituendo l’importo restante con un piano di rientro sostenibile, basato sulle sue reali possibilità economiche e tenendo conto delle spese necessarie a condurre uno stile di vita dignitoso. Sull’argomento, lo stesso Bertollo ha scritto il libro  ‘Legge 3 del 2012. Storie di ordinario sovraindebitamento’. La pubblicazione riporta casi concreti, seguiti direttamente dall’autore.  “Il sovraindebitamento ormai è all’ordine del giorno, sono necessarie una maggiore educazione finanziaria e una promozione convinta della Legge 3/2012”.


Potrebbe interessarti anche:

Start-up e Pmi innovative: benefici fiscali e misure per la crescita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui