Seco Usa testa un dispositivo di controllo remoto per gli MQ-25 di Boeing

Seco ha progettato la circuiteria, il software del sistema operativo, il rivestimento esterno ed alcuni sottoassiemi integrati critici di un dispositivo di controllo remoto per velivoli senza pilota per il rifornimento aereo, imbarcati sulle portaerei della Marina degli Stati Uniti

Seco USA Boeing

Seco Usa è una società con sede negli Stati Uniti, interamente controllata da Seco S.p.A. di Arezzo. Con sede legale nello Stato del Delaware, Seco USA progetta e realizza circuiti elettronici embedded e rugged, nonché dispositivi mission critical per applicazioni militari, mediche e industriali; offre inoltre una completa suite di software per il cloud management e infrastrutture per l’IoT e l’intelligenza artificiale.

Nei mesi scorsi l’azienda ha completato positivamente la dimostrazione di un nuovo dispositivo di controllo ponte (“Deck Control Device”, “DCD”) da impiegare per il controllo degli MQ-25 tingray, velivoli senza pilota per il rifornimento aereo, imbarcati sulle portaerei della Marina degli Stati Uniti. L’MQ-25, progettato e sviluppato da Boeing, sarà il primo aeromobile senza pilota a essere imbarcato su portaerei. Dispositivo a controllo remoto indossato dall’operatore, il DCD è stato testato con successo a ottobre durante una dimostrazione, suddivisa in più giornate, alla presenza di personale della Marina degli Stati Uniti e di Boeing, durante la quale sono state simulate operazioni su portaerei presso il MidAmerica St. Louis Airport di Mascoutah, Illinois. A tale dimostrazione seguiranno alcune prove in mare che saranno effettuate nei prossimi mesi.

Sulla base di un concept e di requisiti sfidanti posti da Boeing per il DCD, siamo entusiasti di offrire una soluzione pionieristica per il controllo remoto dei velivoli”, ha affermato Tien Chuang, Chief Operating Officer di SECO USA. “Con la progettazione del DCD, Seco Usa ha dimostrato il valore della propria esperienza cross-industry, lavorando a stretto contatto con i nostri partner, Boeing e U.S. Navy”.

Rispetto alla maggior parte dei dispositivi di controllo di veicoli unmanned, il DCD include una serie di caratteristiche e funzionalità specifiche per aeromobili da portaerei. Si compone di diverse parti, tra cui una sezione handheld che ne consente l’utilizzo heads-up da parte dell’operatore, un’unità display da posizionare sul braccio, un processore alimentato a batteria da indossare in vita e una radio ad uso militare. Seco ha progettato la circuiteria, il software del sistema operativo, il rivestimento esterno ed alcuni sottoassiemi integrati critici. Durante il processo, l’azienda ha adottato un approccio agile di iterative design, volto a ottimizzare la facilità d’uso e l’ergonomia, nel rispetto di stringenti requisiti tecnici, quali la ridondanza safety critical e il funzionamento in ambienti elettromagnetici ostili.

Il DCD dispone di un’interfaccia semplice e intuitiva, progettata per migliorare le operazioni di gestione dell’aeromobile da parte di personale di bordo altamente qualificato, che, unita ad una capacità di controllo remoto, ne garantisce la funzionalità in un ambiente complesso come il ponte di una portaerei. Per completare il sistema di controllo da remoto, Seco Usa ha inoltre reso rugged un set di apparecchiature radio compatibili, progettate per l’utilizzo su velivoli, in grado di soddisfare le specifiche di idoneità al volo dell’MQ-25.


Potrebbe interessarti anche:

Seco Next: un ecosistema per fare Open Innovation in modo sostenibile

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui