Dati TrendForce: risultati record per le società fabeless

Crescono in media del 60% nel secondo trimestre del 2021 le società che progettano (ma non producono) circuiti integrati. Amd, MediaTek e Novatek si avvicinano a crescite del 100%.

fabless trendforce

di Cleopatra Gatti

Secondo un’indagine di TrendForce, è da attribuirsi alla continua carenza di capacità produttiva nel settore dei semiconduttori e al conseguente aumento dei prezzi dei chip, la crescita record dei fatturati delle prime 10 società di progettazione di circuiti integrati che, nel secondo trimestre del 2021, hanno raggiunto i 29,8 miliardi di dollari, riportando un aumento medio del 60,8% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Il rapporto evidenzia anche come le società taiwanesi abbiano registrato performance incredibili durante questo periodo, con MediaTek e Novatek che hanno registrato crescite di oltre il 95%. Amd, da parte sua, ha registrato una crescita del fatturato di quasi il 100%, la più alta tra le Top Ten. TrendForce indica anche che la classifica delle prime cinque società nel secondo trimestre è rimasta invariata rispetto al precedente, sebbene ci siano stati importanti cambiamenti dal 6° al 10° posto. Più specificamente, dopo aver finalizzato l’acquisizione di Inphi, Marvell ha registrato un’importante crescita e ha scavalcato Xilinx e Realtek nella classifica dal 9° posto nel primo trimestre al 7° posto nel secondo.

classifica Fabless Trend Force

Crescite su ogni fronte

Grazie alla forte domanda di telefoni 5G di fascia alta, le attività relative a processori e front-end RF di Qualcomm, leader della classifica, hanno subito una crescita notevole, mentre il suo business IoT ha beneficiato delle richieste di connessione domestica ed e-learning generate dalla pandemia di Covid-19, raggiungendo 1,4 miliardi di dollari e rendendo l’IoT uno dei principali motori di crescita dell’azienda. Nel secondo trimestre del 2021, le entrate di Qualcomm hanno raggiunto i 6,47 miliardi di dollari, con un aumento del 70% su base annua. D’altra parte, i fatturati di Nvidia provenienti dalle schede grafiche di gioco e dalle soluzioni per data center sono cresciuti rispettivamente del 91% e del 46%. La forte domanda da parte del mercato delle criptovalute per le schede grafiche di gioco di fascia alta, insieme alla domanda del segmento dei data center per i prodotti HPC di Nvidia, hanno spinto le entrate dell’azienda a 5,84 miliardi di dollari, con una crescita del 68,8% che ha garantito il secondo posto a Nvidia. Broadcom, al terzo posto, vede la maggior par- te delle sue entrate provenienti dal settore della connettività, sia cablata che wireless. Per quanto riguarda i prodotti di connettività cablata, la costruzione di nuove stazioni base 5G ha comportato un aumento della domanda di controller Ethernet ad alta velocità, mentre per i prodotti wireless, il rilascio di alcuni smartphone 5G di fascia alta ha creato una forte domanda per il Wi-Fi. Allo stesso modo, le attività relative alla banda larga e alle soluzioni industriali di Broadcom hanno entrambe registrato crescite a due cifre, portando i ricavi dell’azienda per il secondo trimestre a 4,95 miliardi di dollari, con una crescita del 19,2%. Tornando ad Amd, le entrate dell’azienda per il secondo trimestre hanno raggiunto 3,85 miliardi di dollari, riportando un incredibile aumento del 99,3% dato dal mercato in continua crescita delle consolle di gioco, da massicce crescite degli utili provenienti da soluzioni enterprise, embedded e semi-custom; dal business dei processori server cresciuto del 183%. Tutto questo ha portato Amd a conquistare il quinto posto nella Top Ten.

Per quanto riguarda le taiwanesi, MediaTek è stata in grado di sostenere lo slancio acquisito nel primo trimestre anche per tutto il secondo. Il business dei chip per smartphone, che ha generato la maggior parte delle entrate dell’azienda, ha registrato una crescita del 143%, portando la società a un fatturato di 4,49 miliardi di dollari, una crescita del 98,8% su base annua e il quarto posto in classifica. Infine, i SoC e i display driver di Novatek hanno entrambi ottenuto buoni risultati principalmente grazie alle partnership con le principali fonderie. I ricavi dei driver, che erano stati tradizionalmente la principale fonte di entrate di Novatek, sono cresciuti dell’81% nel secondo trimestre. Alcune voci relativi ai mercati finali già indicano che la domanda ha subito un rallentamento nel terzo trimestre e una diminuzione degli ordini per alcuni componenti. Tuttavia, dato che le nuove capacità produttive delle fonderie devono ancora tradursi in produzione di massa, per ora si prevede che la carenza di chip in corso persista. Inoltre, poiché diversi ordini di clienti rimangono ancora insoddisfatti, è probabile che i ricavi di queste società registreranno ulteriori crescite anche nel secondo semestre dell’anno, pur se in misura più limitata.


Potrebbe interessarti anche:

Fabless è bello e redditizio: i dati TrendForce per il 2020

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui