Italvolt sceglie Torino e Abb per la sua gigafactory

Italvolt e ABB hanno annunciato un accordo di partnership come passo fondamentale per lo sviluppo della gigafactory italiana che produrrà e stoccherà batterie a ioni di litio per circa 550 mila veicoli elettrici all'anno 

italvolt scarmagno

Italvolt Spa è la società fondata da Lars Carlstrom con l’obiettivo di realizzare in Italia una delle più grandi gigafactory d’Europa per la produzione e lo stoccaggio di batterie a ioni di litio per veicoli elettrici, con una produzione che a regime dovrebbe realizzare batterie per circa 550 mila veicoli elettrici all’anno. La gigafactory sarà situata nell’area ex Olivetti di Scarmagno (TO) e il nuovo impianto sarà progettato dalla divisione Pininfarina Architecture dell’iconica casa di design automobilistico italiana.

L’azienda di Carlstrom ha annunciato un accordo di partnership con ABB  per identificare insieme le soluzioni di automazione, elettrificazione e digitalizzazione adatte ai processi di produzione delle batterie del sito di Scarmagno.

La partnership tecnologica porterà a Italvolt principalmente tre elementi:

  • expertise nella progettazione e sviluppo di soluzioni di elettrificazione e automazione per il controllo, la distribuzione e la gestione dell’energia, l’ottimizzazione dei processi di produzione, oltre che l’efficienza energetica a lungo termine;
  • la consulenza sulla robotica e le operazioni automatizzate per il trasporto e la movimentazione del materiale nelle unità di processo dell’impianto;
  • la ricerca di soluzioni per la raccolta, l’elaborazione, l’archiviazione su cloud e l’analisi dei dati per la pianificazione della produzione, il controllo della qualità, la gestione, le operazioni e il reporting.

I commenti di Abb e Italvolt

“I piani di Italvolt per una produzione di batterie su larga scala sono cruciali per la mobilità elettrica, l’aumento della sostenibilità e la reindustrializzazione della regione”, ha detto Mauro Martis, Cluster Manager South Europe, ProcessIndustries, ABB. “Unendo le nostre forze, vogliamo condividere le nostre tecnologie e sinergie con Italvolt, mettendo il nostro know-how a disposizione di questo ambizioso progetto”.

Lo stesso Carlstrom ha commentato: “Italvolt punta a ricercare le eccellenze industriali in ogni area del nostro business, per questo siamo lieti di annunciare questa collaborazione con ABB, uno dei nomi più importanti del settore a livello globale. La tecnologia all’avanguardia di ABB ci aiuterà a garantire la sostenibilità del nostro impianto, nonchè una produzione efficiente, affidabile e conveniente. Siamo felici che ABB si unisca a noi in questo viaggio”.


Potrebbe interessarti anche: 

Veicoli elettrici a batteria verso i 100 milioni nel 2029

Specialista in un mercato speciale: ecco chi è Specialith

E se vincessimo anche la gara dei chip?

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui