Panasonic: impegno concreto nella sostenibilità a Ottobrunn

Panasonic Industry Europe implementa ulteriori misure come parte della sua strategia di sostenibilità globale "Environment Vision 2050". In evidenza, l'ottimizzazione del bilancio energetico della sede di Ottobrunn, vicino a Monaco di Baviera

Panasonic Industry Europe ha ottimizzato il bilancio energetico della sua sede di Ottobrunn, vicino a Monaco di Baviera, con un impianto fotovoltaico da 185 kilowatt di potenza.  Si tratta di un altro passo della strategia “Environment Vision 2050”, con la quale l’azienda si è impegnata ad adottare misure concrete a livello globale per attuare gli “Obiettivi di sviluppo sostenibile” (Obiettivi SDG/17 per lo sviluppo sostenibile) delle Nazioni Unite (ONU).

“Noi tutti, e quindi tutte le aziende, hanno la responsabilità di contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità”, afferma Johannes Spatz, CEO di Panasonic Industry Europe. L’azienda intende quindi ampliare ulteriormente il proprio portafoglio di prodotti per la generazione e il risparmio di energia ecologica, nonché il miglioramento dell’efficienza. Parallelamente, Panasonic sta lavorando per ottenere il miglior bilancio energetico possibile nella produzione: “Vogliamo generare più energia di quanta ne consumiamo”, sottolinea Johannes Spatz.

L’impianto fotovoltaico di Ottobrunn è una misura nell’ambito del “Piano Verde 2021”, il primo piano triennale della strategia 2050. Nella comunità all’interno del distretto di Monaco, circa 630 dipendenti Panasonic lavorano in due edifici. Lo specialista del solare Vispiron Energy ha installato 570 moduli Panasonic HIT® N 325, ciascuno con 325 watt di potenza, sul tetto piano di uno degli edifici. La potenza totale del sistema è di 185 kilowatt (kW). I moduli sono elevati a est/ovest con un angolo di inclinazione di 10 gradi. Sul tetto sono state applicate 13 tonnellate di materiale. Ciò corrisponde a circa 20 chilogrammi per metro quadrato di carico superficiale, il che è stato possibile senza un rifacimento del tetto o altre misure di stabilizzazione.

Il rendimento annuo dell’impianto fotovoltaico è stato calcolato in 185.000 kilowattora (185 MWh). In una giornata di sole ideale, l’energia solare può alimentare completamente l’edificio secondo le simulazioni. Nel corso dell’anno, Panasonic sarà in grado di coprire poco meno del 20% del proprio fabbisogno di elettricità in questa località con l’impianto fotovoltaico. Un sistema di accumulo a batteria non è stato incluso per motivi di economicità. “Poiché possiamo utilizzare l’energia solare nel momento in cui viene generata, le batterie fotovoltaiche non sono necessarie”, afferma Alexander Schultz-Storz, responsabile di Cross Value e Open Innovation presso Panasonic Industry e project manager per questo progetto. Parte dell’impianto fotovoltaico sono quattro inverter di SMA Solar Technology, che incorporano, a seconda del modello, relè ad alta potenza di Panasonic. Il sistema di gestione dell’energia negli inverter controlla la distribuzione dell’energia nell’edificio e l’immissione della potenza FV in eccesso nella rete pubblica.

Panasonic Industry ha anche installato 22 punti di misurazione del suo sistema di monitoraggio Eco-POWER METER nell’edificio. Gli Eco-POWER METER sono dispositivi digitali per la misurazione dell’energia. Un Eco-POWER METER combina la misura di più circuiti con la comunicazione via Ethernet e web server.

Ad Ottobrunn, ad esempio, viene registrato in dettaglio il consumo di energia per le stazioni di ricarica per veicoli elettrici, l’illuminazione a LED, la ventilazione, il sistema di teleriscaldamento, i server, i sistemi di climatizzazione e persino il riscaldamento della rampa per il parcheggio sotterraneo. Con un sistema di monitoraggio in tempo reale, il consumo energetico può essere visualizzato in tempo reale su un portale Internet. Bin Zhou, ingegnere senior di Panasonic, è responsabile della misurazione dell’energia con quel progetto, spiega lo scopo: “Ci consente di rilevare un consumo di energia superiore alla media e di adottare misure di risparmio energetico appropriate, come l’utilizzo di apparecchiature ad alta efficienza energetica”. Il monitoraggio è da affinare ulteriormente in modo che tutte le aree dell’azienda possano essere esaminate e ottimizzate in termini di consumo energetico.

L’impianto fotovoltaico è in funzione da luglio 2021. Attualmente, il team di Ottobrunn sta valutando se un impianto fotovoltaico può essere installato anche sul secondo edificio. “Stiamo già pensando di ampliare questo impianto fotovoltaico appena entrato in funzione”, afferma il CEO Johannes Spatz. “Il tetto del nostro secondo edificio nel sito di Ottobrunn può ospitare circa 400 pannelli aggiuntivi in ​​futuro, un numero significativo in termini di bilancio energetico, che ci consentirà di fare un altro passo significativo verso il nostro impegno di sostenibilità 2050 e l’iniziativa RE100”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui