Da ON Semiconductor un nuovo controllore per alimentatori ad altissima densità

La nuova soluzione di ON Semiconductor è costituita da un controllore per PFC in configurazione totem pole in grado di abbinare elevate prestazioni a un costo molto competitivo

ON Semiconductor NCP1680

ON Semiconductor ha ampliato la propria offerta di soluzioni per alimentatori offline ad altissima densità con l’aggiunta di un nuovo controllore per PFC totem pole operante in modalità CrM (conduzione critica): si chiama NCP1680 ed è in grado di gestire qualsiasi tipo di commutatore, sia che si tratti di MOSFET a super-giunzione in silicio oppure di commutatori WBG (Wide Band Gap) come i dispositivi in carburo di silicio (SiC) o nitruro di gallio (GaN).

Nei tradizionali circuiti PFC, i diodi del ponte rettificatore presente in un alimentatore da 240 W consumano all’incirca 4 W, un valore che rappresenta circa il 20% delle perdite totali. Gli stadi PFC, invece, sono caratterizzati da livelli di efficienza del 97% (valore tipico) e il circuito LLC assicura prestazioni del tutto assimilabili. Mediante la sostituzione dei diodi caratterizzati da elevate perdite con idonei commutatori in una configurazione totem pole e l’utilizzo di un convertitore boost per lo stadio PFC è possibile ridurre le perdite del ponte e migliorare in modo significativo l’efficienza complessiva.

Le caratteristiche della soluzione ON Semiconductor

Il nuovo controllore sfrutta un’architettura per la limitazione della corrente innovativa e il rilevamento della fase della linea, oltre a collaudati algoritmi di controllo, per fornire una soluzione per PFC totem pole economica senza per questo penalizzare le prestazioni. Il nucleo centrale di questo circuito integrato è rappresentato da un anello di controllo digitale compensato internamente. Questo dispositivo innovativo impiega un’architettura CrM con controllo CoT (Constant on time) e commutazione quasi risonante (valley switching). Con questo integrato è anche possibile soddisfare le attuale normative che regolano l’efficienza, incluse quelle che richiedono un’elevata efficienza in presenza di carichi ridotti, grazie alla modalità DCM (Discontinuous Conduction Mode) con accensione sincronizzata con il valore che la tensione raggiunge a valle durante il funzionamento con limitazione della frequenza (frequency foldback).

Caratterizzato da un alto grado di integrazione, il nuovo dispositivo può essere usato per il progetto di alimentatori con operano con la tensione di rete universale (da 90 a 265 Vac) con potenze fino a 350 W. Con una tensione di ingresso di rete di 230 Vac, i circuiti PFC basati su NCP1680 sono in grado di assicurare un’efficienza prossima al 99% a 300 W. Per realizzare uno stadio PFC totem pole completo sono richiesti pochi e semplici componenti esterni, con conseguente riduzione del numero dei componenti e dei costi. Numero che diminuisce ulteriormente grazie al fatto che la limitazione della corrente su base ciclica  (cycle-by-cycle) viene realizzata senza ricorrere a un sensore a effetto Hall.

Alloggiato in un minuscolo package SOIC-16, NCP1680 è anche disponibile come parte di una piattaforma di valutazione che consente di sviluppare ed effettuare il debug di progetti di PFC totem pole avanzati in tempi brevi.

In funzione della tecnologia di commutazione utilizzata per il ramo di commutazione veloce (fast leg) del totem pole, NCP1680 può essere usato con il gate driver per HEMT GaN in configurazione a semiponte NCP51820 o con il gate driver per MOSFET SiC isolato NCP51561.


Potrebbe interessarti anche:

Hassane El-Khoury entra in ON Semiconductor: sarà il nuovo Ceo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui