Internet of Things: partnership strategica tra Murata e Nowi

Obiettivo della partnership è portare sul mercato piattaforme e progetti di riferimento che utilizzano i moduli LoRa ultracompatti e a bassissimo consumo energetico di Murata, alimentati dal PMIC di raccolta di energia di Nowi

MUR533-Nowi-platform-2a

Murata e Nowi hanno stipulato una partnership strategica con l’obiettivo di semplificare lo sviluppo di piattaforme IoT autonome dal punto di vista energetico, da utilizzare in soluzioni “Plug & Forget”.

L’idea delle due società è portare sul mercato piattaforme e progetti di riferimento che utilizzano i moduli LoRa ultracompatti e a bassissimo consumo energetico di Murata, alimentati dal PMIC di raccolta di energia di Nowi. L’importanza della raccolta di energia per le piattaforme IoT sta infatti diventando sempre più evidente, poiché svolge un ruolo fondamentale nell’aumentare la durata, l’usabilità e la fattibilità dei dispositivi IoT.

Come spiega Koichi Sorada, Product Manager IoT Connectivity Modules di Murata:“La  tecnologia di raccolta di energia di Nowi e la sua funzionalità MPPT ad alta efficienza sono  la scelta sostenibile perfetta per alimentare il nostro modem LoRa. La nostra partnership rafforzerà l’iniziativa di supportare i clienti nello sviluppo rapido di soluzioni LoRa “Plug and Forget” compatte ed efficienti dal punto di vista energetico”.

Murata e Nowi, combinazione vincente

Dalla collaborazione tra Murata e Nowi è nata una piattaforma modulare compatta 60 x 65 mm che incorpora il modulo 1SJ o ABZ di Murata. In combinazione con l’ultra piccolo PMIC per la raccolta di energia NH2 di Nowi, la piattaforma consente lo sviluppo semplice e veloce di prodotti connessi LoRa autonomi a basso costo. L’NH2 PMIC è progettato per estrarre in modo efficiente energia dalle fonti di energia ambientale, per caricare un’ampia varietà di elementi di accumulo di energia. La sua funzionalità MPPT combinata con i modem LoRa a bassissimo consumo energetico di Murata, consente ai clienti di costruire sistemi sostenibili.

Il modulo 1SJ è una soluzione modem LoRaWAN autonoma o con comando AT opzionale, che misura 10,0 mm × 8,0 mm × 1,6 mm. Si basa sul circuito integrato di radiofrequenza (RFIC) Semtech SX1262 di seconda generazione. Il dispositivo incorpora diverse modalità a basso consumo che consentono all’orologio in tempo reale (RTC) di funzionare mentre assorbe una corrente tipica di soli 1,3 µA. Inoltre, il pacchetto dello stampo in resina fornisce robustezza fisica con un intervallo di temperatura compreso tra -40 ° C e + 85 ° C.  Il tipo ABZ è invece un altro modulo compatto stand-alone che misura  12,5 x 11,6 x 1,76 mm, costruito in un contenitore schermato in metallo e comprendente un ricetrasmettitore wireless a spettro esteso Semtech SX1276 a raggio ultra lungo.

Entrambi i modem sono integrati con un microcontrollore (MCU) ARM Cortex M0 + 32 bit della serie  STM32L0 di STMicroelectronics. L’MCU include 192 kB di flash e 20 kB di RAM e dispone di memoria sufficiente per incorporare le applicazioni del cliente e ospitare altri stack di modulazione.

Simon van der Jagt, CEO di Nowi, ha commentato: “Il modem 1SJ LoRaWAN di Murata combina un fattore di forma ultra-piccolo con prestazioni di alto livello che sono altamente complementari ai vantaggi esclusivi offerti dai PMIC di raccolta di energia Nowi. Questa collaborazione offre alle aziende una via più rapida per ottenere una connettività autonoma dal punto di vista energetico nei loro prodotti, riducendo al minimo le dimensioni, i costi e la complessità delle distinte base”.


Potrebbe interessarti anche:

IoT: per ABI Research prevarranno i protocolli LoRa e LoRaWAN

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui