Un’iniziativa della community Hackster.io per la protezione degli elefanti in Africa

Collari smart, progettati con una global challenge, proteggeranno la sempre più ridotta popolazione degli elefanti africani. L'iniziativa, che include telemetria avanzata e machine learning, è promossa da Hackster.io, la community di Avnet community, e Smart Parks

70
Hackster.io
Foto: www.opencollar.io

Gli elefanti africani stanno diminuendo sempre più. Per proteggerli nel loro habitat naturale, Hackster.io, una comunità Avnet, e Smart Parks collaboreranno allo sviluppo di un collare di tracciamento di nuova generazione. Per la realizzazione di questa soluzione è stata lanciata, proprio da Hackster.io, la ElephantEdge Challenge.

La tecnologia per proteggere gli elefanti

La sfida è focalizzata sulla realizzazione di un software che girerà su un hardware nuovo, con modelli di learning e cruscotti di telemetria per il tracciamento di parametri vitali, movimenti, anomalie ambientali e altro. I collari si baseranno sulla piattaforma IoTConnect di Avnet e sulla tecnologia di machine learning Edge Impulse. A completare il progetto sono soluzioni hardware e software di Western Digital, Nordic Semiconductors, Taoglas, u-blox, Vulcan EarthRanger e Microsoft.

I partecipanti alla sfida potranno accedere gratuitamente ai prodotti e alla tecnologia necessari e condivideranno le risorse sul portale https://opencollar.io.

World Wildlife Fund, che lavorerà con il team di sviluppo, testerà i prodotti. Il risultato finale si tradurrà in 10 collari per elefanti che Smart Parks dispiegherà in parchi africani selezionati.

Sensori e reti al servizio della natura

Smart Parks è un’impresa sociale olandese con sede a Utrecht. Uno Smart Park è una riserva naturale che usa la tecnologia dei sensori intelligenti per raccogliere informazioni (movimenti di animali e umani, piogge, temperature ecc.) per una migliore gestione e conservazione della natura e si basa su reti LoRaWAN.

Adam Benzion, co-founder di Hackster.io, dice: “Siamo orgogliosi di supportare questo progetto insieme a Smart Parks e ad altri partner e di dare così vita a una soluzione open-source che potrà servire a tutto il mondo”.

Anche Sarah Maston, Solution Architect, Founder di Project 15 di Microsoft sottolinea il valore dell’iniziativa: “Con la creatività della Hackster.io community, l’expertise dell’ecosistema di partner  IoT di Microsoft Azure, la portata innovativa della piattaforma IoTConnect di Avnet  e la potenza di un software open source abbiamo la possibilità di salvare uno degli animali più iconici del nostro pianeta e di preservare la biodiversità”. 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui